Holey - tutori ortopedici su misura

In: Case studies On:
Holey - tutori ortopedici su misura

Holey è una startup innovativa che ha sviluppato un sistema integrato, basato sulla tecnologia della stampa 3D, per realizzare dei tutori ortopedici su misura che sostituiscono il classico gesso per frattura, con un dispositivo leggero ma resistente, traspirante e indossabile anche in acqua.

La soluzione proposta da Holey è composta da uno scanner 3D in grado di acquisire automaticamente l'immagine tridimensionale dell'arto del paziente, da un software che, seguendo le dimensioni precedentemente acquisite con la scansione e i parametri inseriti dal medico, genera il modello virtuale del tutore, pronto per essere stampato tramite un sistema di fabbricazione remoto dotato delle migliori tecnologie di stampa 3D.

Entro 24/36 ore il tutore viene recapitato presso la struttura.

Grazie al suo sistema di scansione e stampa 3D, Holey è in grado di fornire diverse tipologie di tutori altamente personalizzati e funzionali.

La ricerca di una soluzione di stampa 3D affidabile e performante, che potesse soddisfare pienamente le richieste di cliniche ortopediche e pazienti, ha trovato riscontro nel sistema offerto da Ultimaker, capace di stampare diversi tecnopolimeri e di legare insieme materiali diversi grazie all'utilizzo del doppio estrusore.

 

 

Ultimaker S5 Pro Bundle offre la possibilità di gestire il sistema di produzione da remoto e in maniera completamente autonoma.
La Material Station garantisce la perfetta conservazione delle bobine e quindi delle loro proprietà, mentre l'Air Manager permette di lavorare in un ambiente più sicuro, trattenendo il 95% di particelle Ultrafini

Con l'utilizzo di Ultimaker S5 Pro Bundle, Holey è in grado di produrre tutori su misura sia di tipo statico che dinamico, oltre ad offrire ai propri clienti una serie di vantaggi in termini di comfort e sicurezza che altre tecnologie non possono apportare.

 

 

La soluzione di Holey è stata testata in collaborazione con professori di medicina ed ortopedia dell’Università di Roma La Sapienza e con l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), e presentata al recente SIOT 2019, congresso organizzato dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia.