ABIGO Medical e INTAMSYS - Reverse Engineering e Stampa 3D

In: Storie di Sucesso il:
ABIGO Medical e INTAMSYS  - Reverse Engineering e Stampa 3D

Stampando alcune pulegge per una linea di confezionamento con la stampante INTAMSYS FUNMAT HT, il reparto manutenzione di ABIGO Medical AB è stato in grado di mantenere in funzione la linea di confezionamento quando il tempo di consegna dei pezzi di ricambio si è rivelato essere di otto settimane.

"Le parti stampate in 3D sono rimaste per nove settimane nella linea e si sono dimostrate dieci volte più economiche delle parti originali" - Linus Göhle, tecnico di produzione.

In qualità di azienda farmaceutica, la svedese ABIGO Medical AB è principalmente coinvolta nello sviluppo, nella produzione e distribuzione di prodotti per la cura delle ferite. Questi includono alcuni prodotti unici e brevettati sviluppati internamente, con i quali ABIGO è attiva a livello internazionale.

La produzione avviene nello stabilimento dell'azienda ad Askersund, secondo rigide normative. Questo è stato un motivo per cui Linus Göhle, in qualità di tecnico responsabile della manutenzione delle linee di produzione, ha cercato una stampante 3D ad alte temperature.

"Fin dall'inizio, ho cercato una stampante 3D con cui poter stampare PEEK e ULTEM, perché siamo in un'attività strettamente regolamentata. Per alcune cose abbiamo davvero bisogno dell'approvazione per i materiali che utilizziamo".

Colmare i lunghi tempi di consegna

ABIGO Medical ha investito nella stampante FUNMAT HT di INTAMSYS, il modello entry level di una linea di stampanti 3D ad alta temperatura del produttore cinese. Grazie alla camera di stampa riscaldata (90 ℃), al piano di stampa riscaldato (160 ℃) e all'ugello indurito (fino a 450 ℃), questa stampante 3D è adatta per la stampa con polimeri di alta qualità come PEEK e PEKK.

“Stampare con il PEEK non è davvero difficile. Abbiamo stampato il filamento INTAMSYS PEEK con le impostazioni standard dello slicer, senza deformazioni e con una buona adesione dei layer", afferma Linus Göhle. Una delle parti stampate è un set di pezzi di ricambio per una delle nuove linee di produzione in fabbrica. Le pulegge che trascinano la carta nel gruppo saldante della linea di confezionamento erano usurate; la gomma intorno a loro era diventata troppo dura, provocando malfunzionamenti.

Linus Göhle:"È una linea di confezionamento abbastanza giovane per la quale non avevamo ancora pezzi di ricambio in magazzino. Il tempo di consegna per i pezzi di ricambio originali si è rivelato essere di sette-otto settimane. Troppo lungo."

 

Linea di confezionamento di ABIGO

Reverse Engineering e Stamp 3D

Ecco perché Linus Göhle ha iniziato a decodificare gli ingranaggi per stamparli su INTAMSYS FUNMAT HT con il PEEK. È stato scelto il PEEK perché la temperatura nella linea di confezionamento può arrivare fino a 85-87 ℃. Viene stampata la ruota con un diametro di 92 mm, dopo di che viene posizionato una guarnizione di gomma attorno ad essa. Con queste ruote stampate in 3D, si volevano colmare le 8 settimane di attesa per la consegna delle parti originali. “Ci aspettavamo che le ruote stampate durassero una o due settimane. Quindi volevamo stampare un nuovo set fino alla consegna delle parti di ricambio originali. Alla fine, le ruote sono rimaste nella macchina per nove settimane.

E anche allora, funzionavano ancora senza intoppi. Nel frattempo erano arrivate le parti originali e il reparto qualità voleva che le assembliassimo. Ma la ruota stampata in PEEK era ancora buona", afferma Linus Göhle.

Stampa 3D 10 volte più economica

Con questa soluzione relativamente semplice, ABIGO Medical ha risolto il problema della lenta consegna dei pezzi di ricambio, che potrebbe causare l'arresto della linea. Con sorpresa di Göhle, le parti stampate si sono rivelate circa 10 volte più economiche delle parti di ricambio originali. Tuttavia, il tecnico di produzione osserva che la durata delle parti originali è più lunga. Nel frattempo, il team di Linus Göhle stampa in 3D più parti, per la sostituzione di quelle usurate, compreso un alloggiamento per cuscinetti per un nastro trasportatore. Il tempo di consegna non è decisivo qui, è breve quanto la stampa da sola.

“I costi, tuttavia, sono notevolmente inferiori. Abbiamo stampato l'alloggiamento del cuscinetto per il nastro trasportatore in Policarbonato per 100 €, mentre la parte originale, una parte in alluminio, costa 4.000 €".

L'adattamento dei cuscinetti nell'alloggiamento è particolarmente buono. "Calzano come un guanto". La stampa 3D con il policarbonato è facile con INTAMSYS FUNMAT HT come con altri materiali. "Ho dovuto solo modificare un po' le impostazioni predefinite, niente di che".

 

INTAMSYS FUNMAT HT Factory

Sostituzione di parti in alluminio

Il policarbonato è ora il filamento preferito di Linus Göhle e dei suoi colleghi del reparto di manutenzione di ABIGO Medical. "Poiché il materiale ha buone proprietà meccaniche, si stampa facilmente e ha un buon rapporto qualità/prezzo". Solo se il PEEK è davvero necessario, stampano con questo materiale. Per il team di manutenzione dell'azienda farmaceutica svedese, la stampante FFF di INTAMSYS è lo strumento di produzione giusto per utilizzare il reverse engineering per realizzare pezzi di ricambio se i tempi di consegna sono troppo lunghi, i costi troppo alti o quando vedono possibilità di migliorare le parti riprogettandole.
Linus Göhle segue già da tempo gli sviluppi nel settore della stampa 3D. Ma una stampante 3D per il metallo per stampare parti in alluminio è troppo costosa; le stampanti FFF standard per il PLA non offrono possibilità sufficienti a causa della limitata utilizzabilità di questo materiale.

Le stampanti 3D INTAMSYS FUNMAT ad alta temperatura si dimostrano la soluzione giusta per il reparto di manutenzione, perché ora le parti in alluminio in una fabbrica possono essere sostituite da parti stampate in 3D, grazie all'utilizzo di polimeri ad alte prestazioni. "Le recensioni che ho letto su INTAMSYS FUNMAT HT hanno attirato immediatamente la mia attenzione", afferma Göhle.
Il sistema aperto della piattaforma è un criterio importante nella scelta di una stampante 3D. “Lavoriamo secondo regole rigorose. A volte i clienti vogliono che utilizziamo solo materiali che sono stati approvati. Per questo, dobbiamo trovare fornitori aperti sulla composizione. Ecco perché scegliamo una piattaforma aperta". Non appena ci sarà bisogno di stampare, ad esempio il punzone dalla macchina sigillatrice, il PEEK sarà l'unico materiale autorizzato per stampare questa parte per la linea di confezionamento per i prodotti per la cura delle ferite.

 

Parte stampata con il filamento INTAMSYS PEEK

Stampe buone immediatamente

Ciò che anche ha sorpreso Linus Göhle è la qualità che è stato in grado di ottenere direttamente con le impostazioni standard per il filamento INTAMSYS PEEK. "Si legge molto sugli errori che possono verificarsi durante la stampa 3D di questo tipo di filamenti ad alte prestazioni. Sono rimasto sorpreso dal fatto che abbiamo effettuato lo slicing, inviato a INTAMSYS FUNMAT HT e poche ore dopo abbiamo avuto buone parti da assemblare nella linea di confezionamento". Il filamento in policarbonato utilizzato per la stampa proviene da INTAMSYS. "Abbiamo anche testato filamenti più economici e per alcuni materiali abbiamo anche altri fornitori. A volte dobbiamo quindi fare qualche modifica. Con i filamenti INTAMSYS non dobbiamo farlo".

La stampante 3D ad alta temperatura ora funziona quasi tutto il giorno. "Non sempre per le parti di produzione, anche per la formazione e l'apprendimento. Attualmente, tre dipendenti del reparto manutenzione possono lavorare con INTAMSYS FUNMAT HT". Linus Göhle si occupa personalmente della maggior parte dei disegni.

"Ho notato che la stampante si sta integrando sempre più nel nostro flusso di lavoro. Useremo sempre di più la stampante per lavori di manutenzione. Più apprendiamo sui materiali e sui limiti, maggiori saranno i vantaggi che otteniamo dalla stampante".

È supportato da Additiva AB, il partner svedese di INTAMSYS. "Durante l'installazione, abbiamo ricevuto una formazione di un giorno. Ora possiamo risolvere la maggior parte dei problemi per telefono, ma in futuro ci sarà formazione. Questo supporto è importante, anche se avevamo già esperienza con la stampa 3D".